Skip to content

Tag: ricerca

Arte 3.0: come fare esperienza dell’arte oggi

Qualche tempo fa, con l’articolo di Beatrice Cittadini della stessa città ma in un’epoca diversa, vi avevamo raccontato la prima esperienza di conduzione di un laboratorio didattico realizzato dai ragazzi del I anno di Didattica dell’Arte per i Musei. Per voi lettori, che molto probabilmente mai avrete partecipato ad un laboratorio didattico stando dalla nostra parte, forse non vorrà dire molto, ma per…

Leave a Comment

Tutto ciò avviene, quando faccio un racconto a memoria

“[…] Giungo allora ai campi e ai vasti quartieri della memoria, dove riposano i tesori delle innumerevoli immagini di ogni sorta di cose, introdotte dalle percezioni; dove sono pure depositati tutti i prodotti del nostro pensiero, ottenuti amplificando o riducendo o comunque alterando le percezioni dei sensi, e tutto ciò che vi fu messo al riparo e in disparte e…

Leave a Comment

La scultura come denuncia sociale

Intendo la scultura come denuncia sociale di una esperienza individuale estesa a un fatto collettivo, a partire da una mappatura sui lavori scultorei contemporanei che trattano il tema della violenza feminile e infantile: Doris Salcedo, Kara Walker, Regina Jose’ Galindo con le performance e, tornando indietro, Louise Bourgeois con le sue celle. Il monumento oggi, ancora oggi, deve essere strumento…

Leave a Comment

Il DNA della scultura: il legame fra il materiale e l’artista che lo lavora

Intendo la Scultura quale ricerca sulla relazione tra materiali di un luogo e la loro traduzione in opera, quale relazione tra composizione chimica di un materiale scultoreo, dna dell’artista che lo lavora, temi portanti del territorio che nell’opera devono essere inscritti. Il monumento, oggi, deve mantenere saldi questi valori e trasmettere il senso di appartenenza a un luogo e alla…

Leave a Comment

The weakening voice

Ho sostenuto il tempio con la mia altezza Il tempo è stato crudele e non resta di me che metà Gli anni fuggiranno via e sarò totalmente coperta dalla terra E tu, camminandomi sopra, non ti accorgerai neanche di me Ilya Kabakov, The weakening voice, 1998 Photo credits | http://www.ilya-emilia-kabakov.com/portfolio/

Leave a Comment

Il monumento come denuncia sociale delle costrizioni

La scultura può essere una valida ricerca sui ruoli, sulle maschere e sulle convenzioni che la società impone all’uomo e al genere maschile/femminile, riflettendo sulla relazione con le emozioni pure e originarie. Il monumento, di conseguenza, può far riflettere quale denuncia sociale delle costrizioni e dei ruoli di genere. Silvia Piacentini    

Leave a Comment

Monumento: trasmissione pubblica dei messaggi della Scultura

La Scultura è portatrice di un valore empatico e di un messaggio di sentimento che coinvolge lo spettatore, latore di valori legati alla passione, al bello, al coraggio del cuore. Il monumento deve essere espressione e possibilità di trasmissione pubblica di questi messaggi. Davide Foppa L’uomo che era a terra, distrutto, spiazzato e senza speranza, senza sapere cosa de-siderare né…

Leave a Comment

“Drawing is a verb”

Arrotolare Sgualcire Piegare Accumulare Curvare Accorciare Torcere Attorcigliare Ammaccare Raggrinzire Radere Strappare Scheggiare Fendere Tagliare… Richard Serra nel 1967-1968 pubblica una sua VERB LIST di azioni sulla scultura (in fotografia: Richard Serra. Verb List. 1967–68. Graphite on paper, 2 sheets, each 10 x 8″ (25.4 x 20.3 cm). The Museum of Modern Art, New York. Gift of the artist in…

Leave a Comment

Ricordare il futuro

Intendo la pratica della scultura come accumulazione seriale, riuso e rigenerazione funzionale dei materiali. Se devo pensare a un monumento contemporaneo lo intendo come oggetto che, anziché guardare e rievocare il passato, permetta di “ricordare il futuro”. Francesco Caputo Galleria di opere realizzate da Francesco (click sulle immagini per ingrandirle) Work in progress in laboratorio di Scultura  (click sulle immagini…

Leave a Comment

Uroboro

Scelgo la scultura come indagine sull’archetipo, a partire da una riflessione sul rapporto tra centro e cerchio – mito dell’eterno ritorno, dell’infinito: Uroboro (*). Il monumento è portatore di un archetipo, di una forma originaria, che si carica di senso nel tempo e nello spazio dell’uomo. Francesco Allegri     (*) L’Ouroboros (detto anche Uroboro, Oroboro, Oroborus, Uroboros, Uroborus, Ourorboros)…

Leave a Comment