ShelfZone: la spesa in testa

Pubblicato da Hdemia SantaGiulia il

Share Art!

Si chiama ShelfZone, il software che permette di “camminare” tra le corsie di un supermercato e fare la spesa senza uscire di casa. L’idea nasce negli studi di Imille, un’agenzia di comunicazione milanese dove gli ideatori “quasi per gioco” hanno iniziato a sperimentare le potenzialità del prodotto, hi-tech, più in voga ultimamente, Oculus Rift, di cui vi avevo già parlato nei precedenti articoli.

A cosa serve?

Il progetto ha come obiettivo quello di fornire alle persone un’esperienza d’acquisto del tutto innovativa.
ShelfZone è un software che sfrutta la realtà virtuale per simulare ambienti retail e fare ricerca sul comportamento dei consumatori. Lo strumento, oltre ad essere un prodotto utile e divertente per noi utenti, sarà anche proficuo per le aziende le quali potranno stimare quanto il nostro sguardo permane sugli oggetti esposti negli scaffali grazie al rilevatore eye-tracking di cui ShelfZone è dotato.

f76e52d8067206ba8bcb9d633ed43ae3
Per il momento il software, non essendo ancora in commercio, è rivolto a tre tipologie di target: l’industry, la GDO e le catene di distribuzione, gli istituti di ricerca.

Siamo convinti che questo nuovissimo modo di fare trade marketing sia apprezzato dall’industry, dalla GDO e dagli istituti di ricerca; in pochi anni potremmo arrivare a capire molte cose in più della realtà virtuale applicata al contesto retail e quando gli HMD come Oculus Rift entreranno in tutte le case grazie ai PC e alle console (si pensi a alla PS4 di Sony e al progetto “Morpheus” presentato all’E3 di Los Angeles quest’anno) saremo forse pronti per progetti di virtual commerce a oggi fantascientifici.

oculus-rift-supermarche
Penso che creatività e tecnologia siano gli ingredienti base della comunicazione nell’era in cui viviamo e per questo grazie ad aziende come Imille, che si impegnano nel ambito delle nuove tecnologie per scoprire e sperimentare nuove strategie creative, nel giro di pochi anni, forse, noi tutti potremmo starcene comodamente a casa sul divano, magari in pigiama, e sporgere il braccio per prendere il pacco dei biscotti dallo scaffale del supermercato.

Alessandra Cucchiara
Studentessa al terzo anno del triennio in Web e Comunicazione d’Impresa

Share Art!

0 commenti

Lascia un commento